fermiamo IL SACRIFICIO DEGLI ANIMALI

Ferma ora queste atrocità

13.717 persone hanno già firmato.

Raggiungiamo 50.000 firme!

Obiettivo: 50.000 firme!

IL NOSTRO INTERVENTO


Il Festival di Gadhimai dura due giorni e si svolge ogni 5 anni a Bariyarpur, un villaggio nel distretto di Bara, nel sud del Nepal. Durante la cerimonia sacrificale centinaia di migliaia di animali vengono uccisi in nome della dea indù Gadhimai: stando ai dati, si tratta del più grande sacrificio di animali al mondo – nel 2009 sono stati uccisi circa 200.000 tra mucche, bufali, capre, maiali, ratti e piccioni.

L’ultima volta il Festival ha avuto luogo nel 2014 e in quell’occasione il team investigativo di Animal Equality ha catturato le immagini del massacro utilizzando droni e telecamere nascoste. Le immagini sono state trasmesse in tutto il mondo per mostrare l’orrore del Festival, contestualmente al lancio della campagna internazionale ‘Fermiamo il Sacrificio’.

Purtroppo, a dicembre di quest’anno il Festival di Gadhimai si farà, ancora una volta, nonostante le promesse del Gadhimai Temple Trust di porre fine a questa barbara tradizione.

Per questo motivo abbiamo appena lanciato una nuova petizione internazionale per chiedere al Governo del Nepal di vietare legalmente il sacrificio animale al Festival di Gadhimai, una volta per tutte.

Il Festival di Gadhimai si svolge ogni 5 anni. Nel 2014 Animal Equality ha utilizzato la tecnologia dei droni per catturare immagini che mostravano centinaia di animali brutalmente uccisi gli uni di fronte agli altri.

lo stordimento non è effettuato correttamente

Molti animali sono costretti a sopportare lunghi viaggi senza acqua né cibo per chilometri e chilometri verso Gadhimai, dove saranno poi brutalmente macellati come parte del sacrificio religioso.

Gli ultimi minuti di agonia

Altri vengono gettati con violenza sopra gli autobus o sono stipati in veicoli scarsamente ventilati, per essere trasportati dall’India fino al luogo dove si svolge Festival di Gadhimai – più del 90% dei partecipanti proviene infatti da paesi limitrofi al Nepal, costringendo così gli animali a lunghi ed estenuanti viaggi.

Incuria più totale

I bufali d’acqua vengono abbandonati a se stessi in un recinto designato e vengono decapitati con un machete dai fedeli, senza alcuna anestesia o stordimento. Molti dei bufali cercano di scappare o si avvicinano gli uni agli altri in un vano tentativo di proteggersi e sfuggire alla morte.

Gli ultimi minuti di agonia

Molti animali non vengono uccisi immediatamente e spesso devono subire una morte lenta, una vera e propria agonia fatta di diversi colpi di machete, prima di perdere completamente coscienza.

Incuria più totale

Alla fine del festival, migliaia di carcasse di animali rimangono a marcire nei campi dove sono stati uccisi dalle persone giunte per il sacrificio. 

Come puoi aiutare

DAI VOCE AGLI ANIMALI

Senza il tuo aiuto, migliaia di animali continueranno a soffrire e morire nell’indifferenza di tutti.

L’esito di questa campagna dipende anche da te:

Solo questa volta
Una volta al mese
Scegli il tuo importo
Scegli un altro importo
miglior no profit per gli animali donazione sicura

Grazie alla massima trasparenza con cui opera, Animal Equality è stata inserita nel portale online ‘Io Dono Sicuro”, primo database in Italia composto solo da organizzazioni non profit verificate e garantite dall’Istituto Italiano della Donazione.